Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l’esperienza di navigazione e per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, clicca qui . Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.
19:35 Camera Café
20:00

Ridiculousness Italia

20:30

Ridiculousness Italia

La pennichella non è da pigri: secondo gli esperti bisogna dormire 2 volte al giorno

E' tempo di siesta!

Avete carenze di sonno? Non riuscite mai ad ingranare nel modo giusto ad inizio mattina? Quando tornate da lavoro l’unica cosa che desiderate è svernare sul divano?

E’ normalissimo, non è colpa vostra! La causa è semplice: non dormiamo due volte al giorno. Sembra un discorso da pigri o da amanti della siesta, in realtà è un discorso prettamente biologico.

Secondo la dottoressa Melinda Jackson, psicologa specializzata nei disturbi del sonno presso la RMIT University, e Siobhan Banks, ricercatore del sonno presso la University of South Australia, la ragione per cui soffriamo la mancanza di sonno sarebbe proprio dovuta dal fatto che ricarichiamo le nostre batterie con un’unica sessione! Niente di più sbagliato!

Molto meglio spezzare le ore di sonno. E non è un’abitudine strana. Pensate che in epoca pre-industriale il pisolo a metà giornata era la norma. 

Nei primi anni 1990, lo psichiatra Thomas Wehr condusse un esperimento della durata di un mese. Un gruppo di persone fu lasciato al buio per 14 ore al giorno, invece che le solite 8. Dopo qualche settimana è successo che i partecipanti dormissero per quattro ore, si svegliassero, rimanessero svegli da una a quattro ore, e poi di nuovo a dormire per altre quattro ore. Un modello più adatto di sonno, dettato dal corpo umano, senza pressioni sociali. 

Spezzare il nostro riposo migliora la prontezza di riflessi e fornisce due periodi di maggiore attività creatività durante tutto il giorno. Un’unica dormita invece ci condanna ad un lungo periodo di veglia in cui la sonnolenza si accumula, la produttività diminuisce e anche il nostro umore ne risente.

Purtroppo 'due riposi' al giorno poco si adattano al nostro vivere quotidiano. Tra impegni vari e lavoro in pochi riuscirebbero a riposarsi al meglio. Detto questo, chi può lo faccia! 

Precedente Successiva

Ultime News